USA Day 5 – M’illumino d’immenso

Cercando di augurarci una buona giornata con una colazione a base di snack da un distributore automatico, salutiamo il nostro Motel 6. Con la luce del giorno notiamo esserci anche una piccola piscina, delimitata però da alcuni nastri gialli con delle scritte nere che ne segnalano la chiusura. Ci immedesimiamo subito in un telefilm allaContinua a leggere “USA Day 5 – M’illumino d’immenso”

Mi primer verano en la Sierra

John Muir y su entusiasmo por la naturaleza Leer de viajes o de naturaleza en estos tiempos hogareños de inmovilidad no me hace ningún mal. Al revés. Es un tipo de lectura que estoy buscando con más frecuencia y que me permite desahogarme, conocer y explorar a través de las páginas. La experiencia, obviamente, esContinua a leggere “Mi primer verano en la Sierra”

Day 4 – Welcome to Bakersfield! Motto: “At least we’re not Fresno”

Dopo una serata nella vivace gay-friendly Castro – divorando tacos incredibili, assaggiando birre sconosciute in Europa e dove anche le strisce pedonali sono color arcobaleno – la mattina seguente scegliamo di darci la carica giusta per la giornata con un’abbondante colazione in una taverna. Non resistiamo alla tentazione di assaggiare dolci che spediscono la glicemiaContinua a leggere “Day 4 – Welcome to Bakersfield! Motto: “At least we’re not Fresno””

USA

Day 3 – Mezzi di trasporto Dopo l’esperienza del latte in polvere, oggi decidiamo di iniziare la giornata con una ricca colazione da Starbucks, provando l’ebbrezza di sederci appositamente dietro le grandi vetrine per osservare il fermento mattutino della città, fantasticando sulla vita delle persone che più o meno di corsa ci sfilano davanti. ScegliamoContinua a leggere “USA”